COME OTTIMIZZARE IL BLOG – Parte 1° (di Valerio Cantore, giornalista pubblicista)

Come promesso nel precedente articolo (per leggerlo, clicca qui), sto per svelarvi qualche piccolo trucchetto per ottimizzare il vostro blog e i singoli post. Ma a cosa serve e che cos’è l’ottimizzazione per i motori di ricerca?

L’attività di SEO (Search Engine Optimization) è quel processo attraverso il quale si può migliorare il posizionamento di un contenuto online (o di un sito web) nei risultati di ricerca di Google, Bing, Yahoo, etc. Detto in soldoni, la SEO serve ad aumentare in maniera esponenziale il reperimento del sito, blog, post etc rispetto alla ricerca fatta dagli utenti di internet.

Questo significa che dovete creare/organizzare contenuti pertinenti alla “logica” dei motori di ricerca (Google, Bing, etc). Ma senza mai dimenticare che dall’altra parte dello schermo c’è una persona in carne ed ossa che dovrà leggere, non un robot. Si tratta di trovare quindi il giusto equilibrio tra fattore umano e fattore software (gli spider dei motori di ricerca che scandagliano il web mediante un proprio algoritmo).

Per pareggiare l’ago della bilancia di questi due “capisaldi del web”, tutto quello che dovete fare è scrivere contenuti SEO – Friendly.

Attraverso i suggerimenti di Michael Miller, scopriamo ora come creare e organizzare contenuti SEO-friendly per il blog.

  • “Fare a pezzi il testo”. E’ arcinoto: l’occhio vuole la sua parte. Leggere contenuti sullo schermo non è comodo come leggerli su carta. Sullo schermo, la soglia d’attenzione del “lettore medio” è di gran lunga più bassa. Quindi mai pubblicare un testo mono-blocco. Suddividete il corpo del testo in paragrafi. Allieterete la lettura all’utente/visitatore.
  • Inserire i concetti fondamentali all’inizio. Inserite le informazioni più importanti nella prima parte dell’articolo. Entro e non oltre i primi due paragrafi. E’ li che saranno maggiormente intercettabili dagli spider dei motori di ricerca.
  • Inserire parole chiave. Le keyword (appunto parole chiave) sono fondamentali per indicare agli spider la pertinenza di un contenuto in relazione alla ricerca dell’internauta. Si tratta di usare, nel testo, parole (chiave) affini (o uguali) a ciò che gli utenti cercano nel box di ricerca di Google, Bing, etc. Otterrete risultati ancor più importanti, in ottica SEO, se inserirete le keyword all’inizio del vostro articolo e/o nel titolo dello stesso. E’ proprio li che gli spider scandagliano il web con maggiore “attenzione”.
  • Parole e frasi chiave ridondanti. Dovete inserire e ripetere più volte nel testo le parole e le frasi chiave che ruotano attorno all’oggetto del post. Come suggerisce la locuzione latina: melius abundare quam deficere.
  • Generare contenuti interattivi. Gli utenti di internet amano cliccare. A prescindere che si tratti di parole, immagini o video. L’interattività è l’essenza del web. Il link esprime una parvenza di democrazia, digitale si intende. Il link è “libertà” di movimento. Ma ricordatevi di linkare solo contenuti rilevanti e pertinenti: a nessuno piace “atterrare” su una pagina web inutile e non coerente con l’argomento precedente. Inoltre, se linkate in maniera sbagliata danneggiate il vostro posizionamento sui motori di ricerca. E viceversa.

Eccovi elencati alcuni degli accorgimenti da attuare per ottimizzare il/i blog.

Se vi interessa scoprire nuovi consigli, non perdete la seconda parte del post. A presto.

 

Se vuoi aggiornamenti scrivi a

Costruire Sviluppo

info@costruiresviluppo.it

oppure telefona al

347 1505734